Differenze fra “revisore legale” e “collegio sindacale” nelle PMI

Differenze fra “revisore legale” e “collegio sindacale” nelle PMI

Il revisore legale è una figura professionale obbligatoria nelle aziende con un volume d’affari o un attivo patrimoniale superiore a 4 milioni di euro.

Ha il compito di verificare la correttezza del bilancio, dei dati ivi indicati e che questi scaturiscano delle scritture contabili correttamente tenute.

 

Anche le poste valutative, quali, ad esempio:

  1. rimanenze;
  2. Crediti;
  3. Immobilizzazioni immateriali
  4. ammortamenti

 

che, benché frutto di valutazioni del consiglio di amministrazione o dell’amministratore delegato alla redazione del bilancio devono essere valutate dal Revisore che ne attesta la congruità e la corrispondenza i principi contabili, nell’ottica della prudenza e dei principi di veridicità, chiarezza e correttezza.

 

Nell’interesse dei soci, dei creditori e dell’amministrazione finanziaria.

Tale compito, nelle società dotate del Collegio sindacale, può essere a questi demandato.

 

In questo caso si ha però una sovrapposizione di ruoli, competenze e responsabilità che spesso non consentono o di ricoprire entrambi i ruoli.

  1. Il collegio sindacale è un organo interno della società con funzioni di controllo
  2. il revisore, non è un organo societario, bensì un professionista.

 

I compiti del collegio sindacale sono limitati alla vigilanza sull’osservanza della legge e dello statuto, sul rispetto dei principi di corretta amministrazione e sull’adeguatezza dell’assetto organizzativo, amministrativo e contabile della società.

 

Il responsabile del controllo legale:

a) verifica, nel corso dell’esercizio e con periodicità almeno trimestrale, la regolare tenuta della contabilità sociale e la corretta rilevazione nelle scritture contabili dei fatti di gestione;

b) verifica se il bilancio di esercizio e, ove redatto, il bilancio consolidato corrispondono alle risultanze delle scritture contabili e degli accertamenti eseguiti e se sono conformi alle norme che li disciplinano;

c) esprime con apposita relazione un giudizio sul bilancio di esercizio e sul bilancio consolidato, ove redatto.

 

Il controllo contabile è stato assegnato unicamente alla società di revisione (o Revisore Legale dei conti).

 

In sintesi, il collegio sindacale, potendo partecipare alle riunioni degli organi societari ha la possibilità di acquisire informazioni anche nel momento in cui la società deve prendere decisioni. Ha quindi un controllo preventivo, rispetto a quello svolto dal revisore, e ciò significa anche maggiore responsabilità in capo a tale organo.

 

Per una società anche di medie dimensioni, viste le numerose normative, societarie, settoriali, finanziarie, del permanere dei requisiti di continuità aziendale, una separazione dei ruoli potrebbe essere una soluzione ottimale.

 

Ricordiamoci che “Gli amministratori rispondono verso i creditori sociali per l’inosservanza degli obblighi inerenti alla conservazione dell’integrità del patrimonio sociale. L’azione può essere proposta dai creditori quando il patrimonio sociale risulta insufficiente al soddisfacimento dei loro crediti.” (art. 2476 codice civile)

 

In altre parole, la mancata verifica dell’esistenza degli adeguati assetti organizzativi, amministrativi e contabili comporta, in caso di insolvenza della società, la responsabilità personale degli amministratori. Un controllo adeguato è indispensabile per ridurre le responsabilità personali, civili e penali.

 

Il collegio sindacale, privato delle responsabilità e dei tempi legati alla revisione legale potrebbe dedicarsi proficuamente ai compiti propriamente istituzionali vale a dire il rispetto della legge da parte dell’organo amministrativo e degli adeguati assetti organizzativi amministrativi e contabili.

 

Il bilancio sociale con un doppio controllo, di legalità e contabile, acquista agli occhi dei terzi un significato di serietà e affidabilità unico e aiuta a fare il salto di qualità e a distinguersi nel mercato.

 

Perché il Bilancio è il biglietto da visita della tua azienda.

Articolo_Rordorf (3).pdf